INFORMAZIONE PER LA STAMPA ASL CN2
Attivato l’Ambulatorio delle Cronicità presso la Casa della Comunità di Bra per la presa in carico dei pazienti affetti da patologie croniche

Da maggio è stato attivato l’Ambulatorio delle Cronicità presso la Casa della Comunità di Bra, nell’ambito delle attività del Distretto.
L’ambulatorio della Cronicità, in linea con quanto previsto dal Chronic Care Model (CCM), è finalizzato alla presa in carico globale dei pazienti affetti da patologie croniche con necessità di controlli periodici ed esami di monitoraggio, inviati dai medici di medicina generale, oppure dai medici specialisti, sia territoriali che ospedalieri, tramite contatto diretto con il personale sanitario medico ed infermieristico in forze all’ambulatorio stesso.
Il paziente, arruolato dal medico di medicina generale e in collaborazione con il medico del distretto, entra in un percorso di gestione integrata che, sulla base patologia, viene avviato al PDSTA (percorso di salute diagnostico terapeutico assistenziale) specifico al quale partecipino tutte le figure assistenziali coinvolte con impegno diversificato in funzione del grado di complessità della malattia (team multiprofessionali).
Altra figura cruciale dell’ambulatorio della cronicità è l’infermiere di famiglia e comunità (IFeC) una nuova figura che assicura l’assistenza infermieristica ai diversi livelli di complessità in collaborazione con tutti i professionisti presenti nel setting in cui opera, non solo garantendo la risposta assistenziale nuovi bisogni sanitari espressi e ma anche intercettando i bisogni inespressi. L’Infermiere di Famiglia o Comunità ma diventa la figura che
L’Ambulatorio delle Cronicità è in stretta relazione con tutti gli ambulatori specialistici ospedalieri, in modo da guidare l’accesso dei pazienti cronici alle attività di secondo livello che, di volta in volta, si possono rendere necessarie. È compatibile con le cure domiciliari e può integrarsi con queste se vi è la necessità.
Le attività principali dell’ambulatorio, sotto la supervisione di un medico del distretto, sono la prevenzione delle patologie croniche e la loro diagnosi precoce, il monitoraggio dei pazienti attraverso esecuzione di esami/prestazioni, la prenotazione di indagini di secondo livello, l’educazione terapeutica, i contatti telefonici con i pazienti e l’integrazione con i servizi sociali degli enti gestori comunali. All’interno dell’ambulatorio vengono effettuati esami quali elettrocardiogramma, spirometria, esami ematici, test di saturazione dell’ossigeno e test della glicemia; è, inoltre, promossa l’attività vaccinale secondo le indicazioni del Piano Nazionale Vaccini per i pazienti cronici/fragili (vaccinazioni anti-Covid, anti-influenzale, anti-pneumococcica, anti-herpes zoster); una parte delle attività riguarda le terapie di supporto per stati carenziali, frequentemente riscontrabili nei malati cronici, quali la terapia marziale (ferro) e vitaminica.

Procedura per l’invio pazienti

ASL CN2