Il luogo

L’area

L’area, si trova nel Comune di Verduno, ai confini con il Comune di Roddi, in località Pradonio; è situata sul fronte nord della collina di Verduno, sul lato destro del fiume Tanaro. È stata scelta perché rispondente ai seguenti requisiti:

1) l’equidistanza tra le due città di Alba e Bra
2) la vicinanza al tracciato della Asti – Cuneo
3) la posizione collinare particolarmente amena

L’inserimento nel paesaggio

Il luogo scelto per accogliere il futuro ospedale presenta un declivio verso il fiume Tanaro. La differenza di altitudine tra la parte più alta e quella più bassa del terreno è dell’ordine di 65m. La vista verso le colline e i paesi situati sulla riva opposta del fiume è molto aperta. La concezione volumetrica e l’impianto dell’ospedale hanno tenuto conto delle grandi qualità del paesaggio. L’altezza della costruzione è stata ridotta quanto più possibile per diminuire il suo impatto nell’ambiente. La struttura, sviluppata in orizzontale, rispetta al massimo la pendenza naturale del terreno. Con l’inserimento di giardini e patii la vegetazione penetra nel cuore della struttura ospedaliera privilegiando il rapporto esterno-interno. Tutto attorno all’area ospedaliera è prevista una vasta fascia di rispetto ambientale, in cui non sarà possibile edificare. Ci pare la premessa indispensabile della volontà di preservare il paesaggio e di limitare l’impatto sull’ambiente naturale.
L’ospedale sarà servito da un accesso realizzato sul futuro nuovo collegamento Asti-Cuneo.
L’ingresso principale sarà situato nella parte alta del terreno e presenterà i seguenti vantaggi funzionali:

  • facilità d’orientamento, grazie ad una percezione immediata dell’insieme della galleria
  • suddivisione del flusso degli utenti e del personale dell’ospedale tramite gli ascensori
  • una prospettiva piacevole verso la parte bassa del terreno (zona Nord)

La struttura sarà inoltre dotata di un numero di parcheggi superiore ai mille posti auto. Le automobili parcheggiate non saranno tuttavia visibili dalla strada sottostante.