Insieme contro il cancro: sabato 21 ottobre convegno alla Fondazione Ferrero

Conferenze e congressi 10/10/2017

Sabato 21 ottobre, dalle 9.30 alle 12.30, un convegno aperto al pubblico a Alba presso la Fondazione Ferrero

I CAS e il percorso del malato oncologico

 
L’organizzazione della rete oncologica sul territorio, i CAS (Centri di Accoglienza e Servizi), i GIC (Gruppo Interdisciplinari di Cura), sono argomenti che saranno trattati nel corso del convegno aperto ad associazioni e cittadini, in programma ad Alba, presso la Fondazione Ferrero sabato 21 ottobre dalle 9 alle 12).
L’incontro rientra nella campagna di comunicazione predisposta dalle Asl CN1, CN2 e dall’azienda S. Croce e Carle di Cuneo, con lo scopo di illustrare, con il ricorso a materiale cartaceo (roll-up, cartoline, brochure informative) e multimediale  la presa in carico e il percorso diagnostico-terapeutico del malato di cancro.

Il CAS è il punto d’ingresso del malato nel percorso. Il Centro consente la presa in carico globale del paziente.

La malattia oncologica travolge il paziente e la sua famiglia. Il Centro di Accoglienza e Servizi è stato istituito alcuni anni fa e serve da punto di riferimento per il paziente. Con la presa in carico globale, assume un ruolo fondamentale anche la figura dell’infermiere, che rileva i bisogni dei pazienti collaborando con psicologo, assistente sociale, dietologo”.

Le aziende hanno definito precisi percorsi detti PDTA (percorsi diagnostico terapeutici assistenziali) per ciascuna patologia, gli specialisti si riuniscono nel GIC (Gruppo interdisciplinare di Cura) che rappresenta una collegialità più strutturata rispetto al passato.

Gloria Chiozza e Paola Malvasio, direttori sanitari di Asl CN1 e S. Croce e Carle: “Con questo sistema si garantisce la stessa qualità di cura per il cittadino, ovunque egli abiti sul territorio, l’accesso diventa indipendente perché il sistema si coordina”. La base scientifica di questa organizzazione è il Piano Nazionale Esiti (PNE). Lo spiega Giovanni Messori Ioli, che è direttore sanitario di azienda alla CN2: “L’esito, l’outcome di salute, è garantito dal raggiungimento dei volumi di trattamento prescritti, che sono la base dell’organizzazione  della rete in Piemonte e Valle d’Aosta”.

All’incontro sarà presente Oscar Bertetto, direttore della Rete Oncologica di Piemonte e Valle d’Aosta.